lingua italiana lingua inglese lingua francese lingua tedesca lingua spagnola lingua russa lingua portoghese
Florence and Tuscany Tours

Il Passaggio del Principe

Il passaggio del principe, un misterioso passaggio tra Palazzo Vecchio e la Galleria degli Uffizi

Prenota ora

Selezionare la data:
 
 

Il Passaggio del Principe

Il passaggio del principe, un misterioso passaggio tra Palazzo Vecchio e la Galleria degli Uffizi

Codice Tour: tour 25

IL PRESENTE TOUR E’ AL MOMENTO NON DISPONIBILE IN QUANTO IL PASSAGGIO DA PALAZZO VECCHIO AGLI UFFIZI E’ TEMPORANEAMENTE CHIUSO PER LAVORI DI MANUTENZIONE.  LE VISITE RIPRENDERANNO APPENA POSSIBILE.

Benvenuti nel segreto Passaggio del Principe, il camminamento ideato da Giorgio Vasari che unisce simbolicamente e praticamente Palazzo Vecchio, il palazzo del potere temporale, alla residenza privata “reale” di Palazzo Pitti. Un percorso unico al mondo capace di consentire ai Granduchi di spostarsi evitando qualsiasi pericolo. 

Vi presentiamo un tour guidato del primo tratto del Passaggio del Principe (in attesa di poter compiere tutto il tragitto fino al Corridoio Vasariano) che da Palazzo Vecchio attraverso il passaggio privilegiato sopraelevato raggiunge la Galleria degli Uffizi.  

Dedicato agli amanti della storia, a chi vuole scoprire di più sui Medici e sul Granducato, ai bambini e ai lettori di Dan Brown. Provate l’emozione di seguire i passi della storia, camminate al termine della giornata in compagnia del Principe, nelle sue stanze maestose.

Abbiamo voluto immaginare come potrebbe essere stata la chiusura della sua giornata: vivete questa esperienza assieme a noi! Non preoccupatevi per biglietti online, prenotazioni e file all’ingresso, dedicatevi all’emozione, a tutto il resto penseremo noi.

Florence and Tuscany Tours: see more, do more, make yours.

Con Sua Altezza Serenissima il Granduca di Toscana da Palazzo Vecchio agli Uffizi

Immaginiamo con la nostra guida di accompagnare il Granduca di Toscana dai suoi uffici in Palazzo Vecchio agli Uffizi, e scopriamo i suoi doveri pubblici e le sue passioni private per le sue collezioni d'arte.

Alla fine di una lunga giornata di lavoro il Granduca di Toscana lascia gli uffici di governo a Palazzo Vecchio per tornare alla reggia di Pitti, percorrendo il percorso privilegiato che da tempo la famiglia granducale utilizza per i suoi spostamenti a piedi. Attraversa il Salone dei Cinquecento, dove Cosimo I ed il suo architetto Giorgio Vasari hanno voluto cancellare le memorie della Firenze Repubblicana ed esaltare invece le imprese del Principe che qui dava udienza pubblica. 

Si sofferma nella Sala di Leone X, ripensando alla fama del grande papa Medici, figlio del Magnifico Lorenzo. Salite le scale, entra nel quartiere un tempo della Duchessa Eleonora: nelle sale rinnovate da Vasari la decorazione dei soffitti illustra storie e leggende legate al mondo femminile. Gioiello del quartiere della Duchessa, la Cappella di Eleonora, che il marito Cosimo I affidò alle mani esperte del pittore Agnolo Bronzino: una breve preghiera ed il principe passa sul cavalcavia di via della Ninna. “Però che idea geniale del Vasari!” pensa il regale personaggio “Permettere ai noi Medici di attraversare la strada medievale a quest'altezza e senza confonderci con il popolo!”.

Una volta entrato nella Galleria degli Uffizi, il suo percorso lento verso la reggia è costellato di soste per ammirare ancora una volta i grandi capolavori che la sua famiglia ha collezionato nel tempo. Fra i suoi preferiti i quadri di Filippo Lippi, Paolo Uccello, Piero della Francesca, la Venere e la Primavera di Botticelli, l'unico quadro documentato di Michelangelo, una rara opera terminata di Leonardo, i tanti Raffello: il Principe già sa che questa sarà nel futuro la pinacoteca più importante d'Italia. Non può non sostare un attimo nella Tribuna, scrigno della collezione, stanza che solo gli ospiti veramente molto importanti possono visitare… Convinto di avere assicurato la fama della sua famiglia presso i posteri, il Granduca entra nel Corridoio Vasariano per raggiungere la reggia di Pitti a conclusione della sua regale giornata: noi lo salutiamo sulla porta.